logo dell`Autorità  d`Ambito n.5 Astigiano Monferrato
Autorità  d`Ambito n. 5 Astigiano Monferrato

per l`organizzazione del servizio idrico integrato ai sensi della Legge 36/94 e L.R. 13/97.

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL`ASSEMBLEA DEI SINDACI DELL`AREA TERRITORIALE OMOGENEA “B”

AI SENSI DELL`ART. 6 DELLA CONVENZIONE ISTITUTIVA DELL`AUTORITA` D`AMBITO

Approvato nella seduta del 30-04-1999

 

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento e l`organizzazione dell`Assemblea dei Sindaci o loro delegati, comunque facenti parte del Consiglio Comunale, dell`Area Territoriale Omogenea (di seguito Area) “B”, così come definita dalla Convenzione istitutiva dell`Autorità  d`Ambito per l`organizzazione del servizio idrico integrato, relativa all`A.T.O. 5 Astigiano-Monferrato, ai sensi del comma 6, art. 6 della Convenzione stessa.

Art. 2 - Sede dell`Area Territoriale Omogenea

1. L`Area “B”, ha sede presso il Comune del Sindaco che la rappresenta nell`Autorità  d`Ambito.

2. Presso tale sede si tengono, di norma, le Assemblee dei Sindaci dei Comuni costituenti l`Area.

3. Le riunioni possono altresì tenersi presso altre sedi dei Comuni dell`Area stessa.

Art. 3 - Rappresentanza

1. La rappresentanza dei Comuni facenti parte dell`Area “.B”, all`interno dell`Area stessa, è quella che risulta dall`allegato "A" al presente regolamento, calcolata secondo i criteri stabiliti dalla Convenzione (pari importanza tra popolazione e territorio).

Art. 4 - Funzioni

1. L`Assemblea dell`Area nomina il proprio rappresentante nell`Autorità  d`Ambito con i criteri previsti dal comma 3 dell`art. 6 della Convenzione. Si intende che il Rappresentante d`Area deve essere nominato con il voto dei 2/3 dei presenti che rappresentino almeno il 50% delle quote totali dell`intera area.

2. L`Assemblea dell`Area ha il compito di elaborare proposte ed esprimere pareri circa l`organizzazione del servizio idrico integrato.

3. In particolare l`Assemblea dell`Area esprime pareri, per il territorio di competenza, in merito:

Art. 5 - Funzionamento

1. L`Assemblea dell`Area è convocata dal suo Presidente, il quale provvede altresì alla convocazione entro un mese, ogniqualvolta anche un solo Sindaco appartenente all`Area, ne faccia richiesta scritta, con indicazione degli argomenti da discutere.

2. La notifica della convocazione è effettuata a mezzo lettera o fax e trasmessa ai Comuni costituenti l`Area almeno 10 (dieci) giorni prima della data indicata per la riunione.

3. L`ordine del giorno delle riunioni dell`Assemblea dell`Area è stabilito dal Presidente anche su indicazione dei rappresentanti dei comuni costituenti l`Area.

4. Affinché gli utenti ne siano informati, la data delle riunioni ed il relativo ordine del giorno devono essere affissi all`albo pretorio dei Comuni dell`Area.

5. Almeno 24 (ventiquattro) ore prima della riunione, gli atti relativi agli argomenti posti all`ordine del giorno sono depositati presso gli uffici dell`Autorità  d`Ambito e/o presso la sede dell`Area a disposizione dei componenti l`Assemblea dell`Area.

6. Nei casi di urgenza, l`Assemblea può essere convocata 24 (ventiquattro) ore prima dell`adunanza a mezzo fax e/o telefonicamente. Il fax dovrà  recare in sintesi gli argomenti da trattare.

7. Secondo quanto previsto dal comma 7 dell`art. 6 della Convenzione l`Assemblea dell`Area deve essere convocata almeno in occasione del bilancio preventivo e del rendiconto dell`Autorità  d`Ambito.

8. In prima convocazione, l`Assemblea dell`Area è validamente costituita con la presenza della maggioranza assoluta del totale dei Sindaci dell`Area. Assume le proprie determinazioni con la maggioranza assoluta dei presenti che rappresentino almeno il 50% delle quote totali dell`Area.
In seconda convocazione, l`Assemblea dell`Area è validamente costituita con la presenza di almeno 1/3 del totale dei Sindaci dell`Area che rappresentino almeno 1/3 delle quote dell`Area. Assume le proprie determinazioni con la maggioranzadei Sindaci e delle quote presenti.

9. Può partecipare alle riunioni dell`Assemblea dell`Area, con funzioni di collaborazione ed assistenza tecnico - amministrativa, il Direttore dell`Autorità  d`Ambito ovvero altro soggetto posto funzionalmente alle dipendenze dell`Autorità  stessa.

10. Le sedute dell`Assemblea dell`Area sono pubbliche, con le limitazioni previste dalle leggi e regolamenti vigenti.

11. Possono, altresì, partecipare all`Assemblea dell`Area, tecnici comunali o consulenti dei Sindaci dei Comuni costituenti l`Area.

Art. 6 - Presidente dell`Assemblea

1. Svolge le funzioni di Presidente dell`Assemblea dell`Area, il rappresentante dell`Area stessa nell`Autorità  d`Ambito.

2. L`Assemblea, su indicazione del Presidente, nella prima riunione utile, individua tra i componenti dell`Assemblea il Vice Presidente, che lo sostituisce in caso di assenza o di impedimento temporaneo.

3. Il Presidente dell`Assemblea convoca e presiede le riunioni dell`Assemblea dell`Area, predispone l`ordine del giorno delle discussioni, redige e sottoscrive, avvalendosi del supporto degli Uffici dell`Autorità  d`Ambito, i verbali delle riunioni e li trasmette all`Autorità  d`Ambito.

4. Il presidente, quale rappresentante dell`Area nell`Autorità  d`Ambito, è responsabile direttamente nei confronti dell`Assemblea alla quale rende periodicamente conto del proprio mandato su richiesta della stessa, e comunque almeno con cadenza semestrale

5 Nelle materie di cui all`art. 5 comma 2 della L.R. 13/97, il presidente quale rappresentante dell`Area nell`Autorità  d`Ambito è vincolato nel suo mandato dalle decisioni dell`Assemblea dell`Area.

Art. 7 - Controllo partecipativo sull`attività  dell`Assemblea dell`Area

1. è riconosciuto a ciascun Comune e più in generale a ciascun utente del Servizio Idrico Integrato, il diritto di sottoporre all`attenzione dell`Assemblea dell`Area, attraverso il Comune di appartenenza e mediante motivate istanze, proposte - problemi - richieste attinenti l`attività  relativa all`organizzazione del servizio idrico integrato.

2. Il Presidente dell`Assemblea dell`Area, è obbligato a rispondere alle istanze presentate entro il termine di 60 giorni dalla data di ricevimento. A tal fine può avvalersi del supporto degli uffici dell`Autorità  d`Ambito.

3. Sono garantiti i diritti di accesso alle determinazioni dell`Assemblea dell`Area secondo le leggi vigenti in materia, fermo restando che nessun segreto può essere opposto ai componenti degli organi degli Enti Locali costitutivi dell`Area stessa.

Art. 8 - Approvazione e modificazioni del presente regolamento

1. Il presente regolamento è approvato e/o modificato con la maggioranza assoluta del totale dei Sindaci dell`Area che rappresentino almeno il 50% delle quote totali dell`Area.

Art. 9 - Norma finale

1. Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento si fa riferimento a quanto stabilito nella Convezione Istitutiva dell`Autorità  d`Ambito per l`organizzazione del Servizio Idrico Integrato relativa all`A.T.O. 5 Astigiano-Monferrato, nonché alla vigente normativa.

 

ALLEGATO A

AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEI SINDACI
DELL`AREA TERRITORIALE OMOGENEA "B"

DATI AREA OMOGENEA:  
POPOLAZIONE (ab) 29.389
SUPERFICIE (kmq) 261,66
N. COMUNI 16
     
Num. Ord COMUNE Rappres. all`interno dell`area
  Provincia di Asti  
1 Antignano 3,84
2 Buttigliera d`Asti 6,96
3 Cantarana 3,19
4 Cellarengo 3,03
5 Celle Enomondo 1,88
6 Cisterna d`Asti 4,14
7 Dusino S. Michele 3,70
8 Ferrere 5,01
9 Revigliasco d`Asti 3,16
10 S. Damiano d`Asti 21,90
11 S. Martino Alfieri 2,58
12 S. Paolo Solbrito 3,81
13 Tigliole 5,74
14 Valfenera 7,72
15 Villafranca d`Asti 7,40
16 Villanova d`Asti 15,94
100,00